congress

La neurologia nell’arte e l’arte per la neurologia

Location

via Gavazzeni 21, Bergamo (BG)

November
07
2:00 pm
  • Language
    Italiano
  • Duration
    5 h

Information

Proseguono gli Incontri di Neuroscienze di Humanitas Gavazzeni Bergamo, su un tema d’interesse multidisciplinare con la cultura dell’arte. Di grande interesse è poter capire come il cervello possa avere un rapporto con il mondo esterno e come gli stimoli di bellezza, espressione estetica, emozioni, immagini possano causare modificazioni neurobiologiche alla base del suo funzionamento. L’arte in neurologia pone un quesito per comprendere quanto possa essere e/o diventare un aiuto anche nei casi di malattia con disabilità, e, d’altro lato quanto possa essere un’espressione di grande creatività. Basti ricordare opere di artisti famosi quali ad esempio Giorgio De Chirico durante attacchi auratici, Van Gogh con la sua malattia mentale, Frida Kahlo costretta all’allettamento da un trauma midollare.
Il concetto di come le cose sembrano e come le persone rispondano ad esse può essere, ad oggi, ampiamente superato. Come diceva un grande filosofo “La bellezza delle cose esiste nella mente di colui che le contempla”.
Molti aspetti delle funzioni del Sistema Nervoso, rimasti sconosciuti per anni, che, grazie ai recenti studi di neurofisiologia e neuropsicologia, sono diventati comprensibili. E’ d’obbligo ricordare Samir Zeki, pioniere del campo ed ormai definito neuroesteta che nel 1999 disse: “gli artisti sono in un certo senso neurologi che studiano il cervello con tecniche che solo loro hanno a disposizione”.
Nell’ambito delle patologie neurologiche e neuropsichiatriche, modificazioni delle immagini del corpo, sembrerebbero ricalcare forme di rappresentazione riscontrabili in celebri opere d’arte.
L’arte apre una finestra, tra le molte, sulla complessa organizzazione del cervello e potrebbe rappresentare una nuova frontiera dell’indagine neurobiologica.
Chissà se in un prossimo futuro si possa individuare un reale beneficio? Poter privilegiare tale aspetto, come ad esempio nell’ambito della patologia neurodegenerativa, potrebbe essere un buon ausilio considerando che il margine terapeutico di alcune patologie rimane ancora molto esile.
Alcuni esperti analizzeranno tali aspetti che potrebbero rappresentare quell’aiuto sempre utile quando si parla di malattia neurologica.
A tale proposito l’obiettivo di questo incontro è mirato ad analizzare quanto una terapia non farmacologica quale l’arte, possa avere un possibile contributo in ambito neurologico al fine di avere un intervento integrato nell’ambito della gestione sanitaria globale del paziente.

 

Speakers

  • Paola Merlo Responsabile U.O. Neurologia, Humanitas Gavazzeni, Bergamo

Contact

Segreteria Organizzativa
Formazione ECM – Humanitas Gavazzeni
Telefono: 035.4204787
E-mail: formazione.ecm@gavazzeni.it

Payment

Il Convegno, accreditato ECM, è rivolto a Medici Specialisti Neurologi, e Specialisti di Area Interdisciplinare, Critici d’Arte, Medici di Assistenza Primaria, Tecnici di Neurofisiopatologia, Psicologi, Infermieri Professionali e Fisioterapisti. L’evento è aperto anche a Medici Specializzandi e Studenti. La partecipazione è gratuita ed è obbligatoria l’iscrizione.